Autunno in Barbagia 2020

Ci sarebbe piaciuto raccontarvi il programma di Bitti, e poi quello di Oliena, Austis, Orani e di tutti i meravigliosi paesi del Cuore della Sardegna.

Vi avremmo voluto attendere nei nostri paesi, come ogni anno, per trascorrere insieme indimenticabili fine settimana.

Invece, per le ragioni che noi tutti conosciamo, quest’anno Autunno in Barbagia non ci sarà. MA non sarà un anno triste e nostalgico! Sarà un anno che vedrà il racconto digitale dei paesi e delle loro ricchezze, per farci trovare ancora più preparati all’edizione 2021.
Ci aspettano tante belle scoperte e iniziative per ricordare insieme i momenti più belli: alcune sono ancora TOP SECRET, seguiteci sui social per scoprirle!

 

 

 

11.09.2020

I racconti digitali dal Cuore della Sardegna proseguono a Oliena, il delizioso paese ai piedi del Monte Corrasi.

La leggendaria ospitalità dei suoi abitanti ha reso il borgo conosciuto ed apprezzato insieme al contesto territoriale, davvero ricco e variegato, tutto da scoprire con escursioni, passeggiate e trekking.

Anche se solo virtualmente, perchè Autunno in Barbagia quest’anno non ci sarà, vi invitiamo a scoprire Oliena e le sue indimenticabili bellezze in tutti i giorni dell'anno. Eccone alcune:

- la Valle di Lanaitto, da dove si accede alle grotte, veri e propri labirinti che collegano i corsi d’acqua sotterranei: quelle comunicanti di Sa Oche e Su Bentu, quella di Eliches Artas e quella di Corbeddu in cui sono state rinvenute le prime tracce dell’uomo in Sardegna.

- in un'oasi di pace, immerso nella macchia mediterranea della valle, si trova il sito archeologico di Sa Sedda 'e sos Carros. Il villaggio è unico nel suo genere, luogo di rilevanza scientifica notevolissima, rappresenta una grande opera di ingegneria idraulica.

- a pochi chilometri dal centro abitato si trova un vero e proprio capolavoro della natura che, dal 1998, è divenuto monumento naturale: la spettacolare sorgente carsica di Su Gologone, le cui acque sgorgano fresche tra la rigogliosa vegetazione, per poi confluire nel fiume Cedrino. Qui è possibile praticare diversi sport emozionanti.

- capitolo enogastronomia: ai primi del Novecento il paese divenne famoso per la produzione del vino Cannonau Nepente, reso celebre dall’elogio di Gabriele D’Annunzio e, il pregiato olio d’oliva. Eccellente inoltre la pasta fresca ("maharrones de busa", "tundos" e "angelottos", ravioli di formaggio fresco), i tanti tipi di pane pane, “sas hasadinas salias”, i formaggi e i deliziosi dolci tradizionali ("sos pistoccos", "sas meliheddas","sos horiheddos", "sos marigosos")

- anche a Oliena vi invitiamo a scoprire i laboratori degli artigiani, abilissimi nell'oreficeria, nella lavorazione del legno intagliato, della pelletteria e dei caratteristici scialli di seta ricamati che fanno parte dello splendido costume tradizionale femminile