Autunno in Barbagia 2018

Custodito tra le montagne di Sa Scova e Arzanadolu e attraversato dagli affascinanti strapiombi della valle del fiume Flumendosa, il territorio di Gadoni offre una natura unica dal fascino selvaggio. Tra sentieri incontaminati e paesaggi mozzafiato si scoprono angoli quasi magici come la delicata cascatella di S’Istiddiosa, formata dal piccolo rio Buzzoni. Notevoli esemplari di tassi, ginepri oltre alle splendide peonie e orchidee selvatiche si alternano ai castagni, noccioli, noci e ciliegi che nel Novecento hanno reso famoso il paese per la loro grande produzione. La storia di Gadoni narra di una terra di passaggio e di incontro di antichi popoli che sfruttavano le risorse minerarie di Funtana Raminosa: qui i Nuragici fondevano il rame per realizzare le sculture simbolo dell’età del Bronzo in Sardegna. Per estrarre il prezioso metallo Fenici, Cartaginesi e Romani vi scavarono diverse gallerie poi riutilizzate nel XX secolo. Affascinante è il centro storico con le graziose casette che si affacciano sulle stradine ricoperte da pietre rosse e nere dei monti circostanti su cui si intersecano le caratteristiche scalinate e i muraglioni. Nell’area occupata dal vecchio municipio, nel XV secolo, fu eretta la prima chiesa dedicata a San Pietro Apostolo distrutta nel 1870.

Il 1 e il 2 Dicembre, a Gadoni, arriva la nuova tappa di Autunno in Barbagia! Ecco il programma completo:

Sabato 1 Dicembre

09:30 Apertura e visita alle Domus Antigas, alle mostre e alle esposizioni lungo le vie del paese.

10:00 Apertura e visita agli stand ed esposizioni di prodotti locali lungo le vie del paese.

16:30 Convegno Ischintiddas - Simboli, arti e riti della Sardegna e rassegna Premio Is Fraccheras 2018.

19:00 Accensione del falò | Piazza IV Novembre.

21:30 Notti 'e Prendas: Musica e balli in piazza con il duo Fadda-Bazzoni, con la collaborazione di Ottavio Nieddu.

Domenica 2 Dicembre

09:00 Apertura e visita alle Domus Antigas, alle mostre e alle esposizioni lungo le vie del paese.

09:30 Apertura e visita agli stand ed esposizioni di prodotti locali lungo le vie del paese.

15:30 Preparazione de Sa Fracchera e is concas de mortu | Piazza IV Novembre.

17:00 Is Fraccheras Riproposizione dell’antico rito. 17:30 Degustazione gratuita a base di piatti tipici locali lungo le vie del paese.

18:30 Cantos e Ballos in Pratza Rassegna di balli e canti intorno al falò.

Durante tutta la giornata vi sarà animazione e musica itinerante lungo le vie del centro storico:

• Animazione itinerante con la partecipazione delle associazioni locali, della maschera tipica locale Maimoni e Grastula, del coro polifonico Boghes de Gaudiu onu, del gruppo Folk Santa Barbara di Gadoni, della Compagnia Teatrale Talenti Irriverenti.

• Musica itinerante con la collaborazione di Ottavio Nieddu, con gli organettisti Lamberto Lai e Alex Agus, le Launeddas di Stefano Baila e Tonio Stara, le maschere Su Maimulu di Gairo e Sos Traigolzos di Sindia, il coro polifonico Ensemble di Olbia, il coro polifonico femminile S'orrosa 'e Padenti di Seulo.

Da visitare

• Miniera Di Funtana Raminosa [visite guidate].

• Chiesa di Santa Marta.

• Su Nascimentu, a cura di Angelo Curreli.

• Mostre varie, con la collaborazione della Biblioteca Comunale di Gadoni:

― Mostra Gli strumenti di tortura.

― Mostra Sa Estimenta.

― Sa Omu 'e su meri.

― Sa Buttega de Tziu Innassiu.

― Su Sabatteri.

― Su Dottori.

― Sa omu 'e Giobba.

― Trastus e fainas in domu de tiu Chicchinu.

― Sa omu 'e su mortu.

― La casa del minatore.

― La mostra dei minerali.

― Domus Antigas.

― Esposizione dell’artigianato locale.

― Degustazione dei prodotti tipici locali.