Mostra Documentaria Viaggio in Sardegna - M. L. Wagner 1925-1927

Mostra documentaria VIAGGIO in SARDEGNA - M. L. Wagner 1925-1927 Un viaggio fotografico nella Sardegna di inizio Novecento

Visualizza la sezione: Mostra Documentaria Viaggio in Sardegna - M. L. Wagner 1925-1927
Visualizza la sezione: Mostra Documentaria Viaggio in Sardegna - M. L. Wagner 1925-1927

Giovedì 3 novembre 2016, alle ore 18.00 presso l’EXME, in piazza Mameli a Nuoro, l’inaugurazione della “Mostra documentaria VIAGGIO in SARDEGNA di M. L. Wagner 1925-1927”. 

Max Leopold Wagner, uno tra i più apprezzati filologi del Novecento e il maggiore esperto di linguistica sarda, fu nell’isola, tra il 1925 e il 1927, per raccogliere informazioni sistematiche sulla lingua sarda e i suoi dialetti. Dalle immagini, allegate alla documentazione dei suoi appunti, nasce la mostra che il Comune di Nuoro ha voluto inserire all’interno del circuito delle Celebrazioni Deleddiane per il ricorrere dell'ottantesimo anniversario della morte e del novantesimo dall'assegnazione del Premio Nobel a Grazia Deledda.

L’iniziativa ha origine dalla collaborazione tra l'ISTASAC e il Dipartimento di Italianistica dell’Università di Stoccarda, attraverso il lavoro di traduzione del prof. Giovanni Masala Dessì, e grazie agli Istituti di Lingue e Letterature Romanze e la Biblioteca Karl Jaberg dell’Università di Berna.

“Quando nell’estate del 1999 ebbi la possibilità di ammirare per la prima volta il tesoro linguistico-etnologico inedito proveniente dalla Sardegna custodito nell’Archivio Scheuermeier (oggi Archivio AIS) dell’istituto di filologia romanza dell’Università di Berna” dice il curatore della mostra prof. Giovanni Masala Dessì “non credetti ai miei occhi. Questi preziosi materiali comprendono i verbali d’inchiesta dei rilevamenti effettuati in Sardegna per l’Atlante linguistico ed etnografico dell’Italia e della Svizzera meridionale, le fotografie, fino ad allora inedite, e gli schizzi di Max Leopold Wagner”.

Il materiale è stato raccolto tra l’autunno del 1925 e l’estate del 1926 a Macomer, Nuoro, Cagliari, Sant’Antioco, Sassari, Ploaghe, Villacidro, Tempio, Bitti, Dorgali, Fonni e Desulo. Dalla primavera del 1927 fino all’estate dello stesso anno a Escalaplano, Perdasdefogu, Baunei, Santu Lussùrgiu, Milis, Mogoro, Busachi e Laconi.

La mostra sarà visibile presso l’EXMè di Nuoro sino al 3 dicembre.


Le traduzioni dal tedesco delle didascalie originali e dei verbali d’inchiesta sono del prof. Giovanni Masala Dessì, che ha curato la redazione di tutti i testi. Grafica, composizione e stampa sono a cura della Feel Emotion Nuoro.

Scarica il Comunicato stampa dell'evento

{fastsocialshare}