Cuore della Sardegna

Nella costa centro orientale dell'Ogliastra scopriamo oggi il costume tradizionale di Baunei che, come accade nei vicini centri circostanti, si caratterizza per la presenza di alcuni differenti modelli. Questa diversificazione dell'abito tradizionale è imputabile a fattori di tipo sociale, culturale ed economico che hanno portato in passato alla creazione di costumi con caratteristiche leggermente diverse, a seconda delle possibilità delle famiglie alle quali l'abito era destinato.

Nonostante ciò è comunque possibile scorgere alcune peculiarità comuni fra i vari capi; il costume tradizionale maschile di distingue ad esempio per la presenza di alcuni elementi quali “sa berritta”, copricapo in orbace di forma tubulare, “sa camisa”, camicia di lino con colletto alla coreana arricchito da bottoni in oro e plissettata sul davanti, “su cossette”, un gilet nero in orbace e “sa giubba”, una giacca nera in velluto. La parte inferiore si compone invece da “us calzones”, calzoni in lino bianchi bloccati con un bottone in vita, “sa braga ‘e lana”, gonnellino in orbace nero plissettato e lungo a metà coscia, dai “cambales”, ghette di orbace nero che presentano un risvolto superiore in velluto e nascondono inferiormente parte delle scarpe, e dalle “cassolas”, scarponcini neri in pelle.

Il costume femminile è invece tradizionalmente composto da “su turbante”, indossato sul capo come base per sistemare i capelli, e da “su panigeddu”, piccolo fazzoletto in panno rosso di forma quadrata che si indossa ripiegato in due. Vi è inoltre “sa camisa”, una camicia bianca in lino chiusa al collo da dei bottoni detti “us guttones”, veri e propri gioielli antichi in filigrana d’oro; la giacca, “su cipponi”, si presenta in broccato o in orbace violacea, mentre la gonna, “sa fardetta”, è in orbace rosso, plissettata alla cintura e con balza di broccato di seta a sfondo dorato con alcuni motivi floreali rossi, gialli e verdi. Completano il tutto “s’antalena”, grembiule di velluto legato in vita con un fiocco di raso e “as tiggias”, degli scarponcini in pelle nera che coprono la caviglia.

È possibile ammirare questi splendidi abiti tradizionali di Baunei durante alcune manifestazioni come l'imminente “Primavera nel Cuore della Sardegna” di cui vi terremo sempre aggiornati su http://www.cuoredellasardegna.it/primavera/it/index.html