Cuore della Sardegna

Difficile da non notare per via dei suoi sgargianti colori, frutto delle lavorazioni e dei ricami delle abili artigiane locali, il costume di Desulo è uno degli abiti tradizionali più noti in Sardegna. Il costume femminile, con numerose varianti legate ai particolari momenti, accompagnava le donne di Desulo nel corso di tutta la loro vita. Rosso, giallo, arancione e azzuro, in omaggio alle quattro Barbagie, sono i colori dominanti di queste splendide creazioni, composte da diversi elementi: “su cucuddu”, la cuffia di panno rosso finemente ricamata, “su mucadore”, il fazzoletto ricamato con rose colorate, “sa camisa” bianca, “is palettas”, busto di seta ricamato, “su cippone” (la giacca), “sa camisedda”, gonna di orbace rosso e “su saucciu”, il grembiule di orbace rosso ricamato, con richiami di nastri azzurri. Nessuna presenza dell’oro o di gioielli preziosi ad eccezione dei bottoni, che in genere rappresentavano un regalo fatto alla sposa; il costume di Desulo ha inoltre la caratteristica della doppia vestibilità, retaggio di un passato in cui veniva indossato sia nei momenti domestici che in importanti occasioni al di fuori della propria casa. Più semplice è invece il costume dell'uomo, con base rosso arancione e ricami in seta multicolore; un tipico costume di montagna, pratico per consentire a chi lo indossava di poter lavorare in ogni condizione. Un abito unico, una creazione veramente speciale che si può osservare oggi in particolari occasioni come la manifestazione di Autunno in Barbagia, che dal 1 al 5 novembre fa tappa a Desulo con un programma ricchissimo di eventi che vi consigliamo ovviamente di non perdervi!