Primavera nel Cuore della Sardegna 2022

Siniscola, Berchida (foto Archivio Comune di Siniscola)

Siniscola è un comune situato nella costa orientale della Sardegna, nella regione storica delle Baronie, della quale rappresenta uno dei centri più importanti. La sua posizione, ai piedi del massiccio calcareo del Mont’Albo, circondata da pianure, vigneti, colline e spiagge incontaminate, fa del territorio di Siniscola un’area d’importante interesse culturale e turistico, dove mare e montagna s’intrecciano dando vita ad un profilo paesaggistico d’ineguagliabile bellezza. Il territorio è particolarmente variegato, a partire dal Mont’Albo che regala ai suoi visitatori panorami mozzafiato, in uno scenario dove si alternano foreste, radure, rocce, grotte, sorgenti d’acqua e pendii scoscesi con costoni dolomitici, abitati dalla ricca fauna locale. Sul Mont’Albo vivono invece in armonia cinghiali, volpi e martore e vi nidificano varie specie avifaunistiche come l'aquila reale, il falco pellegrino, l'astore e la poiana. Variegata è anche la vegetazione, tra ginepri, lentischi, olivastri e roverelle. Più a valle si trovano le frazioni costiere come La Caletta, Santa Lucia e Capo Comino: un territorio caratterizzato da 30 km di costa (più volte insignita da parte di Legambiente delle prestigiose 4 Vele), dove si alternano vastissimi arenili, alte dune di sabbia puntellate da ginepri secolari, basse scogliere e calette avvolte da pinete, il tutto abbracciato da un mare cristallino, che degrada dolcemente verso il largo. Un insieme di bellezze naturali incontaminate che rende le spiagge di Siniscola tra le più belle e suggestive del Mediterraneo.

Siniscola, Torre di Santa Lucia (foto Archivio Comune di Siniscola)

Di particolare interesse è la grotta di Gana e Gortoe: situata dentro la città, la grotta venne usata durante la seconda guerra mondiale come rifugio antiaereo dai cittadini siniscolesi. Dentro la grotta è presente un corso d'acqua che sfocia a "funtana", la fonte dove negli anni trenta la popolazione si recava per lavare e prendere l'acqua.

Il territorio di Siniscola fu abitato sin dall'età prenuragica, come testimoniano i numerosissimi reperti ritrovati nelle aree adiacenti al centro abitato: tra questi si segnalano i microliti geometrici in selce e ossidiana, attribuibili al Neolitico Antico e Medio (6000 a.C.) e raccolti tra le dune di Capo Comino. Inoltre, è possibile trovare evidenti tracce di frequentazione umana, risalenti al neolitico, anche all'esterno della Grotta di Elène Portiche sita sul versante occidentale di Monte Lattu. Anche la presenza di insediamenti nuragici è consistente: si contano, infatti, ben 46 siti di rilevanza storico/culturale appartenenti all’età del Bronzo, tra i quali 5 grotte, 32 nuraghi, 4 Tombe di Giganti e 4 villaggi nuragici. Il territorio fu frequentato anche nelle epoche successive, ad esempio durante la dominazione romana che, con la presenza di un insediamento nel tardo periodo imperiale, ha lasciato diverse tracce nella Valle di Bèrchida fino ad arrivare a Santa Lucia e anche un porto di importanza strategica chiamato “Portus Lugudonis”. La nascita del borgo di Siniscola risale però all’alto Medioevo, quando il territorio faceva parte del giudicato di Gallura, per passare poi sotto la dominazione aragonese. A questo periodo risalgono anche le prime incursioni dei saraceni che, nel 1514, raggiunsero le coste della Baronia, approdarono senza incontrare resistenza e saccheggiarono Siniscola, Torpè e Lodè, rendendo necessaria la costruzione di torri costiere di avvistamento e difesa, tra cui spicca quella di Santa Lucia, che domina con imponenza la costa. A partire dal ‘600 il borgo di Siniscola subì numerosi processi di sviluppo e già nell’‘800 il centro era in forte crescita demografica ed economica.

Tra i luoghi da visitare si segnalano il villaggio nuragico ''Luthuthai'', la grotta funeraria ''Cuccuru e Jana'' , le grotte di ''Elene Portiche'' , di ''Sa prejone e S'orcu'' , il villaggio medievale ''Rempellos'' e le torri di Santa Lucia e San Giovanni.

La cittadina si è urbanisticamente sviluppata intorno alla chiesa parrocchiale settecentesca, che conserva all'interno affreschi e statue in legno di artisti locali. È vivamente consigliata anche una visita al centro storico del paese, all'interno del quale è possibile ammirare numerosi palazzi ottocenteschi di notevole importanza artistica.

Tra le peculiarità culinarie segnaliamo “Sa suppa siniscolesa” e “Sa pompia”, dolce tipico ricavato dal frutto dell’omonima pianta, che cresce solo in questo territorio. Tra le produzioni artigianali tipiche spiccano invece le bellissime ceramiche, i cestini, le cassapanche decorate e i coltelli.

Questo week end, sabato 24 e domenica 25 giugno, la Primavera nel Cuore della Sardegna arriva a Siniscola. Di seguito il programma completo:

SABATO 24 GIUGNO

DALLE ORE 10 Apertura della manifestazione con dimostrazione della preparazione de su pani pintau, a cura della Pro Loco di Siniscola. - Sede della Pro Loco, piazza Martiri di via Fani

DALLE ORE 14:30 ALLE 19:30 Escursione alla grotta Gana ‘e Gortoe, a cura del CEAS Santa Lucia di Siniscola.

ORE 15 Gara estemporanea di pittura con tema Scorci di Siniscola, a cura dell’Associazione Siniscola 90 e della Pro Loco di Siniscola. - Via Roma

ORE 15 Concorso fotografico Siniscola in un flash, ambiente natura e tradizioni. - Palazzo Municipale, via Roma

DALLE ORE 15 Esposizione dei lavori di ceramica, decoupage e fotografia ad opera degli studenti della scuola primaria di Siniscola. - Locali scolastici di via Gramsci

DALLE ORE 15 Inizio della manifestazione Mani in Pasta, con esposizione della produzione de su pane pintau e degustazione dei piatti tipici della tradizione culinaria di Siniscola, lungo le vie del centro storico.

ORE 16 Laboratorio artistico per i bambini a cura di Monica e Miriam, lungo le vie del centro storico.

ORE 18:30 Proclamazione della santa messa con esibizione della Corale San Giovanni Battista. - Chiesa di San Giovanni Battista

ORE 19:30 Processione per le vie del paese con esibizione della Banda Musicale di Nurri, dei Cavalieri, dei Gruppi Folk e del Coro Polifonico Santa Lucia di Siniscola, a cura della Leva 80 che al termine offrirà un rinfresco come augurio per l’avvio del nuovo comitato.

ORE 21:30 Inizio della serata con balli tipici sardi animata da: Gruppo Folk Thiu Juanne Piu, Gruppo Folk Cucurru e Janas, Gruppo Folk La Caletta, Gruppo Folk Villagrande Strisaili, Gruppo Folk Galtellì, Tenores Luisu Ozzanu, Ususule e Sos Tintinnatos. - Piazza Puxeddu

DOMENICA 25 GIUGNO

DALLE ORE 9 ALLE 13 Escursione alla grotta Sa Prejone ‘e s’Orcu, a cura del CEAS Santa Lucia di Siniscola.

ORE 12 Apertura degli stand dei ristoratori e degli agriturismi e presentazione dei piatti tipici delle loro attività, lungo le vie del centro storico.

DALLE ORE 15 Dimostrazione della preparazione de su pani pintau a cura della Pro Loco di Siniscola. - Sede della Pro Loco, piazza Martiri di via Fani

ORE 16:30 Presentazione del libro I sapori della memoria della scrittrice M.A. Mazzone. - Sa Corte Comunale, via Sassari

ORE 18 Giochi per bambini con il Mago Mozz, a cura della Leva San Giovanni Battista. - Piazza Don Migliorisi

ORE 20 Inizio della serata con i tipici cantos a chitarra, a cura della Leva San Giovanni Battista. - Piazza San Giovanni

ORE 22 Concerto del gruppo Tazenda, a cura della Leva San Giovanni Battista. - Piazza Don Migliorisi

ORE 24 Estrazione della lotteria, a cura della Leva San Giovanni Battista. - Piazza Don Migliorisi

SABATO E DOMENICA

A pranzo e a cena la Pro Loco di Siniscola offrirà ai visitatori il piatto tipico de sa suppa siniscolesa. - Sede della Pro Loco, piazza Martiri di via Fani

DALLE ORE 10 ∙ Mostra sulla flora e la fauna sarda ed esposizione di un’arnia didattica, a cura dell’ente Fo.Re.S.T.A.S. - Auditorium della biblioteca Comunale, via Roma ∙ Allestimento di giochi antichi e costumi tradizionali siniscolesi, a cura dell’Associazione AUSER. - Sede della Pro Loco, piazza Martiri di via Fani

DALLE ORE 15 Apertura del percorso espositivo de Sas Cortes nelle quali verranno riprodotte varie attività di vita quotidiana, lungo le vie del centro storico:

∙ Esposizione di prodotti artigianali e dimostrazioni sulla preparazione dei prodotti e dei piatti tipici locali, a cura della Leva 1959 delle Grazie. - Corte de Sos Coronas, piazza delle Grazie

∙ Dimostrazione della preparazione del piatto tipico sa suppa siniscolesa ed esposizione sull’arte contadina pastorale, a cura di A.R. Todde. - Via Capitano Pau

∙ Esposizione di manufatti e lavorazioni in ceramica ad opera di A. Masala e C. Harenberg. - Palazzo del Comune Vecchio

∙ Esposizione di prodotti tipici di Siniscola come sa pompia e sa aranzata, con degustazione della pecora in umido accompagnata dal pane tipico sas tundas , a cura di A. Mulargia. - Corte Lapia-Pau, via Piemonte

∙ Esposizione delle creazioni in legno, ferro e rame ad opera di L. Fanti, lungo il percorso espositivo.

∙ Degustazione della birra artigianale. - Bottega dei Sapori di M.G. Madu

. Esposizione di coltelli artigianali sardi con manufatti in sughero ad opera di S. Corrias, lungo il percorso espositivo.